Marcel Wanders

Nato a Boxtel, Wanders si laureò con lode nel Hoge Voor de Kunsten (istitu d’arte) di Arnhem nel 1988 dopo di essere rifiutato dalla Accademia di  Design di Eindhoven. Nel 2000 aprì il suo studio a Amsterdam, ottenendo rilevanza nel 1996 con la sedia Knotted, che combinava materiali di alta tecnologia con metodi di produzioni di bassa tecnologia e nel 2001 Wanders creò l’azienda di design Moooi, della quale è copropietario e direttore di arte. Nel 2014, Wanders cominciò a lavorare come designer di oggetti e interior designer. Il  suo maggiore impegno era restituire l’aspetto umano al design, dando passo a quello che lui chiama il design della ”nueva era”, dove il designer l’artigiano e l’utente si riuniscono. Nel suo processo, Marcel Wanders sfida el dogma del design, concentrandosi nelle soluzioni holistiche più che nelle tecnocratiche.

Questo universo, la fredda industralizazzione è sostituita dalla poesia, dalla fantasia, dal romanticismo di diverse età, portate intensamente alla vita nel momento contemporaneo.

 

Chi è in realtà Marcel Wanders?

I miei amici mi descrivono come una persona appassionata, con un punto neurotico e a volte, assorto in un altro mondo, ma appassionato in ogni caso.

Qual'è il suo colore preferito?

Ne ho diversi preferiti. Bianco, dorato, nero, rosso, arancione e verde. E ovviamente il magenta di Joy.

Quali elementi ti piacerebbe avere in un'isola deserta?

Se dovessi sceglierne solo tre, dovrei dire la mia prossima fidanzata, mia figlia, il mio  drone con una batteria infinita.

Qual'è il suo ricordo preferito dell'infanzia?

Ricordo intensamente costruire cose nel negozio di mio padre. Dove ho coltivato l’immaginazione quando ero piccolo.

Film preferito?

Il mio film preferito è Rocky I. La storia di superamento di un perdente.

Ha hobby?

Godo della storia delle cose. Mi atraggono le cose con una storia da condividere, qualcosa che le dia rilevanza e significato al nostro tempo qui e adesso.

Qual'è l'ultima cosa che ha comprato?

L’album più recente che ho comprato fu quello di Jamiroquai: “The Return of the Space Cowboy”

Qual'è la sua maggior realizzazione?

Senza dubbio, crescere mia figlia, Joy continua ad essere la miglior opportunità che abbia mai avuto. Lei è un’anima così eccezionale, la amo al dilà della mia vita! Lei mi sorprende tutti i giorni e supera tutte le mie aspettative.

Ha qualche mania?

Mi piace sedermi e assaporare il mio espresso fatto con una delle mie Bialetti del1963 nel Parco Sempione, Milano, tra le 9:00e le 9:24 di una domenica mattina.

Cosa fa quando non sta disegnando?

Per me, la creatividad, l’espressione e la collaborazione è il massimo relax. Creando sto bene.

Interested in Vondom?
suscriviti alla newsletter

    Name*
    Last name*
    Job*

    Country*
    E-mail*
     
    terms and conditions

    In compliance with the General Data Protection Regulation (Regulation EU 2016/679) we hereby inform you that the personal data you have provided is included in our automated file CONTACTS/CLIENTS/SUPPLIERS and will be used exclusively for the purposes of this file. If you wish to exercise your rights of access, rectification, deletion, restriction, portability and objection, you can write to VONDOM, S.L.U. at Avda. de Valencia, nº 3 de 46891 – El Palomar or send an email to info@vondom.com.